05/04/2022

Maca, tutto quello che c’è da sapere sull’afrodisiaco più antico al mondo.


Ciò su cui quest’oggi elucubriamo inferenze è la Maca: trattasi di un superalimento originario delle Ande peruviane, che cresce a un’altitudine compresa tra i 3.500 e i 4.500 metri. Una pianta è esposta a condizioni climatiche estreme, come le fluttuazioni di temperatura, i venti deboli e l’intensa esposizione ai raggi UV. Le tribù indigene peruviane, che la considerano sacra, la usano comunemente da 2.000 anni, per migliorare le loro prestazioni motorie e l’equilibrio psicofisico.

(in foto: Huayre, Cuna de la Maca)

Nel 2004, il governo peruviano ha dichiarato la maca come il prodotto di punta del paese.  Tuttavia, l’investimento dello Stato nella ricerca non è stato all’altezza di questa ambizione. Poche istituzioni in Perù sono dedicate allo studio di questo alimento, tra cui l’Universidad Peruana Cayetano Heredia, l’Universidad Nacional Agraria La Molina e il Centro Internazionale della Patata.

Ci sono più di dieci varietà riconosciute dai loro colori: nero, rosso, giallo, bianco, rosa, piombo e altri. E ognuno ha diversi benefici per la salute. È noto che il suo consumo aiuta la memoria, l’apprendimento e la fertilità. Aumenta anche la resistenza allo stress, attacca i problemi alla prostata, mantiene l’energia e fornisce più vitalità.

Tuttavia, sono state le sue presunte proprietà afrodisiache ad attirare l’attenzione del mercato in Asia, soprattutto in Cina, in cui sono state predisposte delle vere proprie piantagioni atte a soddisfare l’ingente richiesta del  mercato interno.

La prodigiosa radice ha effetti sulla resistenza, ma soprattutto sulla pelle: sembra che ne migliori radicalmente le caratteristiche, come la luminosità; pare che svolga, inoltre un’azione levigatrice sulle linee sottili, e che stimoli il rinnovamento cellulare, contrastando l’aspetto disidratato e stanco della pelle spenta.

Convinzione diffusa è che tale pianta peruviana aiuti la pelle a “invecchiare più lentamente”.

Viene dunque utilizzato sempre piu spesso come integratore alimentare, e si trova sul mercato intera o sotto forma di polvere. Ha un sapore leggermente terroso, che ricorda vagamente la noce, e con dei rimandi dolciastri che la rendono ideale come additivo per frullati e succhi, muesli, barrette energetiche o torte. In Sud America, la radice viene cucinata e consumata nella sua forma grezza, ma può anche essere usata come polvere. È ricca di proteine, carboidrati complessi, fibre, varie vitamine, fosforo, ferro e rame.

Per concludere, lasciamo un piccolo vademecum di approfondimento sul prodotto  i suoi benefici. Ecco quindi alcune delle sue proprietà:

Proteine: Maca ha una media di 11g % nella radice essiccata.

Fibre: nella radice di Maca sono state trovate cellulosa e lingina, cioè una grande quantità di fibre. Tanto interesse per le fibre deriva dalla ricerca che ha dimostrato che una grande quantità di fibre riduce il rischio di cancro dell’intestino crasso, stimolando la funzione intestinale e aiutando il corpo a eliminare i rifiuti alimentari inutilizzati.

Carboidrati: Le principali fonti di energia umana e sono le fonti vegetali più economiche e facili da ingerire.

Maltosio: è un disaccaride con potere riducente che non si trova in grandi quantità in natura e come molti altri oligosaccaridi, si ottiene per idrolisi parziale di molecole più grandi.

Fruttosio o Lebulosio: uno zucchero utilizzato dal plasma seminale per la produzione di sperma.

Tannini: I tannini sono usati internamente come coadiuvante nel trattamento della diarrea. Combinato con altri farmaci, è utile nel trattamento dei processi infiammatori di piccola estensione cronica come ulcere, piaghe, ecc.

Acidi grassi: Ci sono acidi grassi usati come antisettici e/o antisettici locali, fungicidi e conservanti alimentari.

Alcaloidi: Maca ha quattro alcaloidi, Macaine 1, 2, 3 e 4. L’estratto alcaloide della Maca è una sostanza chimica che è innocua in quantità molto piccole, ma che stimola gli ormoni regolatori del sistema riproduttivo che si trovano nel cervello, ma non solo, aiuta anche gli ormoni della crescita. L’estratto alcaloide di Maca potrebbe attivare gli ormoni che regolano il metabolismo del calcio e del fosforo nel sangue.

Macronutrienti: La radice di maca contiene vitamine e minerali essenziali per la vita, motivo per cui serve come coadiuvante nutrizionale per le persone che soffrono di tubercolosi, HIV, leucemia, anemia e convalescenza.

Calcio: Il calcio nella Maca è un elemento di vitale importanza per lo sviluppo degli esseri viventi. Si concentra nella pianta in quantità maggiori che nel latte; è essenziale per la formazione delle ossa, dei denti, dello scheletro e nella coagulazione del sangue, nel funzionamento del cuore, dei nervi e del sistema sanguigno.

Fosforo: Il fosforo nella Maca aiuta le funzioni strutturali che riguardano lo scheletro e i tessuti molli, e le funzioni di regolazione come la trasmissione neuromuscolare degli stimoli chimici ed elettrici.
Micronutrienti e oligoelementi: Molti minerali sono presenti in questa parte della pianta in una piccola quantità, ma insieme aiutano nella produzione di anticorpi da parte delle cellule linfocitarie di tipo b, che diminuiscono se c’è una loro carenza.

Magnesio: La carenza di questo elemento nell’organismo è improbabile, tuttavia, se questa carenza esiste può portare a diarrea, e una grave carenza di magnesio può portare a una perdita di suscettibilità alla stimolazione visiva meccanica e acustica.

Potassio: Il potassio è coinvolto nella regolazione della pressione osmotica e dell’equilibrio acido-base, ma la sua attività si svolge all’interno delle cellule.

Ferro: aiuta nell’elaborazione dell’emoglobina per evitare l’anemia causata da una mancanza di ferro. Tuttavia, troppo ferro può essere dannoso perché blocca il corretto assorbimento del fosforo nel corpo e può portare al rachitismo.

Silicio: aiuta soprattutto i tessuti connettivi, tra cui l’aorta, la trachea, i tendini, le ossa e la pelle, poiché contengono quasi tutto il silicio del corpo.

Sodio: insieme al potassio, aiuta ad abbassare la pressione sanguigna. L’aumento del rapporto sodio-potassio nella dieta quotidiana è stato trovato per aiutare le persone con ipertensione, ma l’aumento eccessivo del rapporto può comportare una minore suscettibilità agli incidenti cerebro-basali che non sono dipendenti dalla pressione sanguigna.

Rame: Il rame è molto importante perché assorbe il ferro a livello del tratto gastrointestinale ed è probabilmente coinvolto nella formazione favorevole dell’emoglobina. La mancanza di rame porta a una diminuzione di un gran numero di enzimi necessari al corpo.

 

Jointoyou.It

jointoyou.it è un servizio di Delivery a domicilio di Cannabis Legale e prodotti derivati dalla canapa. La nostra mission è promuovere il commercio e gli innumerevoli utilizzi di questa pianta sacra e millenaria, nonché contribuire al processo di legalizzazione in Italia

Follow us


Ordina anche via chat!
Siamo operativi tutti i giorni dalle 18.30 alle 22.30